Theke @ Archivio Storico Diocesano di Concordia-Pordenone

 

27/11/2020

Nella giornata di Giovedì 26 Novembre 2020 alcuni nostri dipendenti hanno prestato aiuto all’entourage dell’Archivio Storico Diocesano di Concordia-Pordenone nella sistemazione di diversi documenti storico-anagrafici.

L’Archivio storico della Diocesi di Concordia-Pordenone ha seguito le vicende della comunità cristiana, di cui è voce, nel suo itinerario: a Concordia prima, a Portogruaro poi (1586) e successivamente a Pordenone (1972), con il compito di testimoniare i vari momenti della vita della Diocesi.

Il documento più antico è una pergamena del vescovo Romolo, databile intorno al 1190. Questo primo documento è seguito da una lunga e copiosa serie di testimonianze che arrivano fino ai nostri giorni, quantificabili in 1763 pergamene, 881 registri, 5500 cartolari, 1450 stampe.

Tutto il materiale è ripartito per fondi: Vescovi (lettere pastorali, circolari e disposizioni, amministrazione della Mensa Vescovile), Curia Vescovile (nomine dei parroci, rendiconti delle parrocchie, processi sia in materia civile che spirituale), Capitolo della Cattedrale (atti capitolari, mansionerie, prebende, amministrazione), Visite pastorali (relazioni delle visite alle singole parrocchie), Archivi parrocchiali (48 quelli al momento presenti) confluiti a seguito del terremoto del 1976 e globalmente suddivisi in anagrafe, fabbriceria, attività e vita religiosa. Particolari settori sono costituiti dalle Mappe, che presentano situazioni oggi non più esistenti o alterate e perciò fondamentali per lo studio del territorio, degli insediamenti e delle giurisdizioni, e da ultimo dalla Corrispondenza, che svela una galleria vasta e variegata di personaggi.

Per noi di Theke è stato un onore poter visionare e maneggiare dei documenti di tale importanza storica, pertanto ringraziamo pubblicamente il Museo Diocesano e la Diocesi di Concordia-Pordenone per aver scelto di far effettuare a noi questo compito così delicato e prestigioso.